Pista e territorio

Il nuovo masterplan del “Vespucci”, contenente il progetto della nuova pista 12/30, interessa fisicamente i territori dei comuni di Firenze e Sesto Fiorentino e comporta l’estensione del sedime aeroportuale di circa 130 ettari, necessari per la stessa nuova pista (in gran parte nel territorio sestese, a ridosso dell’autostrada A11) e per l’estensione dell’area terminale dalla parte di Firenze, nei terreni di Castello. Tale espansione potrà essere in parte compensata dalla dismissione di una porzione del sedime che ospita l’attuale pista (circa 20 ettari), che verrebbe ceduto al parco della piana. Gran parte della nuova area aeroportuale interessa zone agricole-seminative, mentre per piccole porzioni tocca aree a vegetazione naturale e l’area pilota del parco della piana, che potrà essere riconfigurata in aree limitrofe nell’ambito dei circa 1.000 ettari della porzione di parco compresa tra Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino. Nello stesso ambito dovrà essere ricollocato il laghetto artificiale e i bacini di laminazione esistenti o previsti a ridosso dell’attuale sedime dello scalo e interessato dal progetto della pista.

Il nuovo assetto aeroportuale, con la dismissione di parte dell’attuale sedime, consente di rimediare ad una delle storiche criticità della piana tra Firenze e Sesto Fiorentino, ossia la barriera costituita dalla pista esistente, incastrata tra l’autostrada A11 e gli assi viari e ferroviari verso Castello. L’eliminazione di tale barriera può consentire un migliore assetto nei collegamenti in fase di definzione tra i territori dei due comuni (viabilità, tranvia, percorsi ciclabili) ed è funzionale alla previsione del parco della piana, che potrà trovare una continuità fisica senza interruzioni da Prato a Firenze altrimenti difficile, mettendo in comunicazione attraverso l’area verde il polo universitario di Sesto con l’area di Castello, Novoli e Firenze Nova.

L’area aeroportuale di circa 200 ettari (97 per la nuova pista) compresa tra Firenze e Sesto Fiorentino (campita in verde) in relazione all’area della piana vincolata a parco per circa 7.000 ettari distribuiti in otto comuni e due province (evidenziata in bianco). La traiettoria di discesa verso la nuova pista (linea gialla) interessa alcune piccole porzioni del parco, raggiungendo quote che possono creare disturbo nella zona più prossima allo scalo libera da insediamenti.

L’area aeroportuale di circa 250 ettari (130 per la nuova pista) compresa tra Firenze e Sesto Fiorentino (evidenziata in verde) in relazione all’area della piana vincolata a parco per circa 7.000 ettari distribuiti in otto comuni e due province (evidenziata in bianco). La traiettoria di discesa verso la nuova pista (linea gialla) interessa alcune piccole porzioni del parco, raggiungendo quote che possono creare disturbo solo nella zona più prossima allo scalo, libera da insediamenti.

 

Masterplan 2014 Sedime72-20

Aree interessate dai progetti della pista e del nuovo terminal nel masterplan 2014-2029 di ADF.

Comments are closed.