Airbus ha presentato oggi sulla propria base di Tolosa il primo velivolo della nuova “famiglia A220”, nata dalla ridenominazione dei CSeries CS100 e CS300 della canadese Bombardier, jet di ultimissima generazione la cui produzione era stata rilevata dal costruttore europeo lo scorso anno (acquisendo il 50,01% di CSeries Aircraft Limited Partnership, azienda fino ad allora controllata da Bombardier e dal governo del Québec).

La “famiglia A220” sarà composta dai due modelli A220-100 (ex-CS100) da 100 posti e A220-300 (ex-CS300) da 150 posti, inserendosi nella fascia a minore capienza dell’intera gamma Airbus, composta dai narrow-body della “famiglia A320” (A319, A320 e A321 attualmente in produzione nelle nuove versioni “neo”, new engine option) e quindi dalle famiglie di wide-body A330, A340, A350 fino all’A380.

L’operazione di lancio degli ex CSeries sotto il marchio Airbus porterà sicuramente a una larga diffusione di questi velivoli, già diventati famosi per le emissioni estremamente ridotte e in particolare la bassa rumorosità, apprezzata nelle fasi di atterraggio e decollo, e che assieme ai modelli “ecologici” A320neo copriranno sicuramente una larga fetta del traffico aereo futuro per i collegamenti di breve-medio raggio, segmento di riferimento per lo scalo fiorentino.

Attualmente al “Vespucci” operano regolarmente (nel senso che possono essere impiegati nei voli di linea, pur soggetti a tutte le problematicità legate alla pista attuale) A318, A319 e CS100 (adesso A220-100), mentre non sono compatibili con la pista esistente corta e penalizzata A220-300, A320 e A321. Anche questa evoluzione nella produzione di velivoli da parte di uno dei due maggiori costruttori mondiali di aerei indica quanto sia necessario e giustificato l’adeguamento dello scalo fiorentino con la nuova pista, in grado di far operare regolarmente e pienamente tutti questi nuovi modelli e mettere il “Vespucci” al passo con l’evoluzione della tecnologia aeronautica mondiale.

Tagged with:  

É entrato in servizio di linea su Firenze per la prima volta il Bombardier CS100, uno dei velivoli più innovativi ed ecologici di nuova generazione. Il CS100 è stato inserito oggi in uno dei tre voli giornalieri di Swiss da Zurigo (la frequenza di metà giornata, con atterraggio alle 13.40 e decollo alle 14.20) in sostituzione dell’Embraer E190 di Helvetic impiegato da alcuni anni sulla rotta assieme agli ultimi Avro RJ100 ancora in flotta. L’uso del nuovo velivolo, che gradualmente rimpiazzerà tutti i jet regionali di Swiss, sarà incrementato nei collegamenti sul “Vespucci” del vettore svizzero via via che procederà la consegna e messa in linea degli esemplari in ordine (al momento otto CS100 e un CS300, il modello a maggiore capienza, dei 30 C-Series complessivamente acquistati).

Come più volte riportato su questo blog seguendo gli sviluppi dei nuovi jet di Bombardier e i rispettivi primi voli e consegne, la famiglia CSeries rappresenta al momento la tipologia di aerei più innovativa in produzione, in competizione “ecologica” con i modelli di nuova generazione di riferimento per il “Vespucci” che stanno entrando in servizio o prossimi alle prime consegne di Airbus (A320neo), Boeing (737 MAX) e Embraer (E-Jet E2) che caratterizzeranno il trasporto aereo del prossimo futuro. I CSeries volano attualmente in Europa con Swiss (CS100 e CS300) e con Air Baltic (CS300), mentre sono in ordine da parte del gruppo norvegese Braathens Aviation e dall’inglese Odissey Airlines.

La silenziosità del CS100 è stata già apprezzata per la prima volta al “Vespucci” di Firenze lo scorso 16 febbraio, quando Swiss ha testato il velivolo sull’attuale scalo con una giornata di atterraggi e decolli impressionando per le emissioni acustiche estremamente contenute in aeroporto e sulle aree sorvolate, garantite dai motori di nuova generazione in dotazione al velivolo. Da oggi il piccolo della famiglia CSeries, pur soggetto alle possibili penalizzazioni dell’attuale assetto aeroportuale, sarà una presenza familiare sullo scalo fiorentino, in attesa che entrambi i modelli possano operare con regolarità certa e a pieno carico sulla nuova pista.

Tagged with:  

Aerei “ecologici”: CS300 in linea

On 15 dicembre 2016, in Aeroporto Firenze, by admin
cs300baltic1

L’arrivo, a Riga in Lettonia, del primo Bombardier CS300 alla Air Baltic.

Procede il percorso verso l’evoluzione ecologica del trasporto aereo intrapreso con la progettazione di velivoli di nuova generazione, che stanno completando le fasi di messa a punto o iniziano a entrare nelle flotte dei vettori e in servizio. Ieri, 14  dicembre, è stata la volta del primo volo di linea del Bombardier CS300, secondo nato della nuova famiglia di jet regionali CSeries prodotta dall’industria canadese (prosecutrice dell’attività di Canadair e de Havilland). L’esemplare era stato consegnato lo scorso 28 novembre alla Air Baltic, vettore di bandiera della Lettonia e cliente di lancio a livello mondiale per il nuovo velivolo, ordinato in 20 esemplari per la sostituzione dei Boeing 737-300 e 500 attualmente in flotta. Il CS300 Air Baltic, configurato a 145 posti, ha effettuato il primo volo di linea sulla tratta Riga-Amsterdam, seguito oggi, 15 dicembre, dalle rotte per Monaco e Tallin.

cs300baltic2a

Il primo CS300 di Air Baltic è entrato in servizio il 14 dicembre.

I jet regionali CSeries (CS100 e CS300) sono i velivoli più innovativi e “sostenibili” oggi in produzione, nati non come evoluzione di precedenti modelli (come per altri costruttori) ma progetti del tutto nuovi sviluppati soprattutto in ottica ecologica, con la ricerca della massima riduzione dell’impatto ambientale in termini di emissioni acustiche e atmosferiche e nei consumi di carburante (riduzione del 20% delle emissioni di CO2, del 50% per l’NOx e un’impronta acustica quattro volte inferiore rispetto ai modelli di categoria finora in produzione). Obiettivi raggiunti con le prestazioni delle nuove motorizzazioni adottate (Pratt & Whitney PurePower PW1500G) e con vari accorgimenti nella configurazione aerodinamica dei velivoli e nelle strumentazioni di volo.

cs100swissa

Il modello più piccolo, CS100, era invece entrato in linea a luglio con la Swiss.

L’esordio mondiale del CS300 era stato preceduto, sempre nei cieli europei, dal primo volo di linea del CS100, lo scorso luglio, operato da Swiss Airlines, cliente di lancio per il modello da 108-133 posti. Il graduale ingresso in linea del CS100 sulla rete europea di Swiss, in sostituzione degli Avro RJ100, prevedeva inizialmente l’impiego sull’Italia (e su Firenze) dallo scorso settembre, ma il programma è slittato e si dovrebbe attuare nel corso del 2017. Intanto da luglio ad oggi i primi CS100 di Swiss messi in linea hanno effettuato più di 1.600 voli trasportando oltre 156.000 passeggeri su 18 destinazioni.

Da evidenziare che l’arrivo dei CSeries al “Vespucci” rappresenterà l’esordio dei jet canadesi in servizi di linea sullo scalo fiorentino, in quanto nessuno dei modelli della precedente famiglia di jet regionali, la prima CRJ Series prodotta dalla Canadair dal 1992 e la CRJ NextGen Series attualmente in produzione, ha potuto essere impiegato per voli regolari su Firenze per le limitazioni imposte dalla nota situazione della pista. Pur essendo infatti velivoli di piccole dimensioni (50-100 posti, dall’originario CRJ100 ai successivi CRJ200, CRJ700, CRJ900 e CRJ1000), questi modelli, derivati dall’executive CL-600 Challenger, non erano stati pensati per operare su piste particolari e difficili ma per rotte a minore domanda (o operate in orari meno richiesti) e non avevano quindi spiccate prestazioni di atterraggio e decollo corto. Il loro utilizzo è quindi stato e continua ad essere prevalentemente su scali dotati di piste “normalmente” lunghe (sul “Vespucci” di Firenze hanno operato e operano occasionalmente, con i modelli CRJ200 e CRJ700, per voli charter o nelle versioni “corporate” per voli privati e aerotaxi).

Anche gli innovativi CSeries dovranno naturalmente fare i conti con l’attuale pista del “Vespucci”. La diversa conformazione e capacità rispetto ai CRJ dovrebbe permettere di operare già sull’attuale “Vespucci”, ma sempre entro il quadro delle frequenti penalizzazioni derivanti dal mix di criticità tra pista corta, penalizzata da ostacoli e dal suo orientamento e dall’incidenza delle condizioni meteorologiche su tale assetto. La nuova pista 12/30 è invece necessaria per valorizzare a pieno le caratteristiche anche di questi nuovi velivoli ecologici e per tenere Firenze e la Toscana nel processo di sviluppo sostenibile dell’aviazione.

Tagged with: